13.02.2010 BASILEA VERTICAL SPRINT

 

 alt      

SCALATA DEL RAMADA PLAZA, CHIUDONO LA PROVA BEN OTTO ITALIANI CON LA VASSALLI SECONDA E RUGA QUARTO. DARIO E CRISTINA SONO RISPETTIVAMENTE SETTIMA E DODICESIMO

                                                                                                                                                  


 

La quarta tappa del Vertical World Circuit ha calato il sipario invernale andando in scena nella capitale del cantone Basilea, con la ormai classica scalata all’hotel Ramada Plaza che con i sui 31 piani, 105 mt e 542 gradini è l’edificio più alto della terza città svizzera nota nel mondo finanziario per essere la sede della fiera più importante a livello mondiale nel campo degli orologi e dei preziosi.

Presenti al via,  come domenica scorsa a Londra sia Daniela Vassalli, Cristina Bonacina, Fabio Ruga e Fracassi Dario con l’aggiunta per l’occasione di Sara De Maria , Roberto Toffano e la simpatica coppia ragusana dei fratelli Marco e Matteo Lombardo alla loro prima esperienza nel circuito.

Varie le categorie a partire dalle ore 13 in una giornata assai fredda dove  la neve era giunta copiosa ad imbiancare le strade nei giorni precedenti.

Ben 500 atleti, 428 uomini e 72 donne,  alla fine concluderanno  l’edizione 2010 di questa vertical sprint.

A livello femminile, tutti gli occhi erano puntati sulla enfant prodige Marie-Fee Breyer, la tedesca non ancora tredicenne , che nel 2009 seppe imporsi in svariate run up in tutta Europa.

A contrastarla, dall’alto delle sue due pesanti vittorie conseguite a Milano e a Londra, la bergamasca  della TX Active Italcementi, Daniela Vassalli e per i colori locali la più accreditata era la nerboruta Annette Hartmann .

Demolito il record, appartenuto a Claudia Riem con 3’42’’, da tutte le prime tre del podio, con il fantastico responsor conomentrico di 3’26’’6 che ha permesso giovane teutonica Breyer di avere la meglio su una comunque bravissima Daniela Vassalli in 3’33’’1  che ha la meglio di soli 3 secondi sulla Hartmann che chiude la sua fatica in 3’36’’7.

“ Sono comunque soddisfatta del mio risultato” – le prime parole di Daniela alla conclusione della fatica - “ Battere di quasi 10’’ il record non è bastato, la ragazzina è fortissima ed il livello oggi era assai elevato’’.

Bene si sono comportate anche le altre due italiane in gara, la bergamasca  Cristina Bonacina del GP Talamona  chiude settima in 4minuti netti, migliorandosi di 10’’ rispetto al 2009, mentre Sara De Maria dell’Atletica Centro Lario, alla sua prima esperienza elvetica, chiude in 4’34’’ al quindicesimo posto.

‘’ Peccato per non essere scesa sotto il muro dei 4 minuti “- dichiara una soddisfatta Bonacina-

 “ Poteva essere la ciliegina sua una  prestazione che mi gratifica comunque. Le prime sembrano ancora lontane, ma sto migliorando e sono fiduciosa per le gare estive.

Dello stesso parere la lariana De Maria- “ E’ stata una bella esperienza, sono contenta e sono anche  riuscita a correre molti dei 31 piani.”

In campo maschile, assente il dominatore di inizio stagione, il Tedesco Tomas Dold , i favori dei pronostici andavano di diritto al vincitore del 2009, Gabriel Lombriser, l’unico uomo che riuscì nella stagione passata a mettere dietro il mostro Dold proprio a Basilea.

Lo slovacco Tomas Celko, Fabio Ruga e il germanico Christian Riedl gli altri atleti più agguerriti per dividersi i tre gradini podio.

Ottima l’organizzazione, con la possibilità per gli atleti di vedere il proprio tempo su uno schermo appena passato il traguardo e record e vittoria per un raggiante Tomas Celko che con uno stratosferico 2’37’’3 lascia il secondo classificato Jan Wilker a 3’’4 decimi e Lombriser a 4’’ 6 decimi. Quarto, con un’ottimo crono di 2’43’’6 il vincitore di Londra, Fabio Ruga della Recastello Bergamo.

“ Lo stiramento, che mi ha costretto a Milano a non forzare, ormai è guarito ed ho potuto tirare a tutta anche sulla parte di asfalto esterna al Plaza” – questo il primo commento in un ottimo italiano del campione Slovacco- “Sapevo di poter scendere sotto i 2’40’’. Mi sto preparando per gli indoor sui 400 e faccio comunque anche sci alpinismo che mi ha reso più resistente e questo mix sembra vincente.”

Un poco deluso, Fabio Ruga, costretto a restare ai piedi del podio- “ Peccato che la gara non fosse in linea, perché sono sicuro, a parte il primo classificato, troppo forte oggi, almeno il terzo era alla mia portata. “

Altri 4 italiani erano in gara con il Pontidese del Talamona Dario Fracassi a migliorare sia il quindicesimo posto del 2009, sia nel crono, chiudendo in 3’04 in dodicesima posizione assoluta. Sintetizza così la sua gara: “ Sono sparate troppo corte per le mie caratteristiche, spero di poter partecipare a Taipei dove si supereranno gli 11 minuti di gara,  ma penso siano comunque utili per mantenere alti i ritmi  anche in funzione delle campestri che mi aspettano da qui ad aprile.”

Racchiusi in un fazzoletto gli altri tre italiani, Roberto Toffano della Atl.C.R.A. Italtel chiude al 69esimo posto in 3’50’’1 “ Mi alleno nel mio condominio a Milano e quest’anno sono migliorato, ora mi aspetta Berlino.”

I fratelli siciliani di Vittoria  Marco e Matteo Lombardo sono rispettivamente 72 e 75esimo con 3’51 e 3’53”2 .

“ Siamo alla nostra prima esperienza in campo internazionale” - sono le parole del ventunenne Marco-

 “ E, anche se la cosa potrà far sorridere, è la prima volta che vediamo la neve. Ringraziamo il comune di Vittoria e la provincia di Ragusa che hanno sostenuto la nostra trasferta e probabilmente ne faremo altre”.

Nel circuito mondiale, Ruga è ancora primo mentre Chelko grazie la vittoria di Basilea balza al secondo posto seguito dallo Spagnolo Cardona, sesto Fracassi.

A Livello femminile,  la Vassalli ha ipotecato la vittoria finale con due primi e un secondo, seguita al secondo posto da Cristina Bonacina e dalla Neozelandese Frost. Ora il circuito, dopo una sosta di oltre 2 mesi ripartirà a maggio con la prova più lunga del lotto, la torre 101 di Taipei.

 

Melano alias Fracassi Dario



 

FOTO DELLA SETTIMANA

IL GP TALAMONA SI CONGRATULA CON ELISA SORTINI CAMPIONESSA EUROPEA DI CORSA IN MONTAGNA. BRAVISSIMA ELISA

MALUGANI TALAMONA